Disclaimer: questo è un sito per ridere della teoria delle scie chimiche e dei suoi sostenitori. Per debunker avanzati ma non solo. Chi volesse approfondire seriamente l'argomento specifico faccia riferimento alla sezione "Blog/siti di debunking sulle scie chimiche"

martedì 10 marzo 2009

Le dimensioni quantita' contano...

Ok, i miei due cent mattutini (oggi cantiere fermo).

Il comandante non perde occasione per sbrodolare allarmi assurdi in giro per la rete, dove qualche babbeo che gli crede lo trova sempre (la madre degli idioti etc etc)

Qui (LINK) racconta di un fantomatico ingrediente segreto nei carburanti militari in uso negli USA...

uso, usa... cazzarola, sto perdendo smalto.

Vabbe', proseguiamo.

Trascurando il fatto che un buon laboratorio di analisi (purche' non dalle parti di Roma) riesce a determinare la composizione di un carburante, la mia attenzione si e' appuntata su questo passaggio:


L’E.P.A. classifica il dinonylnaphthalene sulfonic acid, sale di bario come sostanza chimica HPV, cioè che è prodotto o importato negli Stati Uniti in quantità di un milione di libre all’anno.

A parte che si scrive libbre, con due b, ma vediamo quanto fa in soldoni...

Equivalenza libbra / grammo:
- 1 lb = 453 g (e rotti)

- 1.000.000 lb = 453.000.000 g (e rotti)
- 453.000.000 g = 453.000 kg (e rotti)
- 453.000 kg = 453 T (e rotti)

453 TONNELLATE

Gia' cosi' fa meno paura, no?
Resta sempre una bella cifra, comunque.

Compariamo con qualcosa di vicino:

Centrali ENEL di Fusina e Porto Marghera (VE).

Emissioni annue in atmosfera(media 2000-2004):

- SO2: 16.500 T
- NOx: 8.350 T
- Polveri sottili: 220 T

(FONTE)

E questo SOLO in due centrali con potenza di 140 MW + 1136 MW.

Quante centrali simili o maggiori ci sono in Italia?
Quante emissioni in atmosfera?

Lascio a voi i conti della serva. Ma credo sia ben chiaro che questo e' un vero problema del quale preoccuparsi, altro che le cazzate sciachimiste.



Saluti
Michele

8 commenti:

markogts ha detto...

dinonylnaphthalene sulfonic acid, sale di bario

Bario?

Riccardo ha detto...

Cerrrrrto! Non lo sapevi che il ros è anche un chimico provetto?

Se vuoi poi ti spiego da dove lo ha dedotto. E' divertente...

Riccardo ha detto...

... e in buona parte lo ha già fatto Nico.

Giuliano47 ha detto...

Oh, cavolo, e chi se la sente si respirare adesso?
Se stavi zitto era meglio :-(

Hanmar ha detto...

E Fusina e' considerata una centrale "modello"...

Pensa le altre.

Saluti
Michele

gg ha detto...

e ora ti devo insabbiare pure te...

Hanmar ha detto...

Pensavi di fare cosi'?
LINK

Saluti
Michele "Lawrence" Hanmar

Ieromod ha detto...

Ma questa, l'avete letta??!!
SuperLOLLOL :-)))))

Sistema di analisi e di modificazione meteorologica

Breve descrizione
Il sistema di analisi e di modificazione meteorologica consiste in una rete globale di sensori definiti “guerrieri del tempo” (Smart dust) in grado di monitorare e di predire accuratamente i fenomeni meteorologici con le loro conseguenze sulle operazioni militari. Una serie di strumenti di modificazione meteorologica consente la manipolazione dei fenomeni atmosferici su piccola o media scala per incrementare le capacità strategiche delle proprie forze militari e per indebolire quelle dell’avversario. Si possono indurre le precipitazioni o inibirle, usando particolato disseminato nell’atmosfera o energia diretta. E’ possibile potenziare e scatenare fenomeni atmosferici inseminando le nubi. Strumenti a microonde sulla terra e specchi ionosferici vengono impiegati per le comunicazioni radio e per facilitare o interrompere i segnali radar. Si possono usare cariche ionosferiche per danneggiare navi spaziali (spacecaft) ed usare raggi a microonde.
Ringraziamo l'amico Davy per la ricerca compiuta e la collaborazione.